Lazio, largo ai giovani

lunedì, 5 giugno 2017

L’assessore regionale all’Agricoltura Carlo Hausmann ha incontrato gli agricoltori con meno di quaranta anni di Coldiretti per parlare di Psr e dei nuovi strumenti per promuovere l’imprenditoria giovanile.

Carlo Hausmann, l’assessore regionale all’Agricoltura del Lazio, ha incontrato i giovani di Coldiretti riuniti in assemblea a Roma per parlare tra l’altro di innovazione e delle opportunità e delle prospettive del Piano di sviluppo rurale.

I giovani, come sottolinea l’associazione di categoria, stanno tornando alla terra, e l’
Italia è prima in Europa con oltre 50.500 aziende avviate da persone sotto i 35 anni, di cui più di 1.200 nel Lazio.

Huasmann ha riferito che si stanno completando i particolari di un’operazione contabile-finanziaria che potrebbe mettere nelle condizioni di
finanziaretutte le richieste di contributo arrivate dai ragazzi di Roma e del Lazio pronti ad aprire nuoveaziendeagricole.

“La nostra strategia - ha aggiunto l’assessore - è assegnare priorità a tutte quelle misure del Psr che portano soldi direttamente alle aziende.

Psr, che come ha detto
David Granieri, presidente regionale di Coldiretti, è un po’ come fosse la finanziaria agricola del Lazio.

Una serie di risorse che è importante che siano spese tutte, nella loro interezza, sia per consolidare il processo di ripartenza dell’agricoltura, sia per premiare la voglia degli under 40 di fare impresa e di costruirsi una carriera, un’attività imprenditoriale e una prospettiva di vita grazie al lavoro nei campi.

“Senza dimenticare - ha specificato Granieri - che questo processo di rinnovamento generazionale favorirà anche la creazione di una nuova classe dirigente.

Sempre sul Piano di sviluppo rurale, l’assemblea è stata l’occasione per presentare l’applicazione TerraInnova che aggiorna in tempo reale, via tablet e smartphone, sui bandi e sulle opportunità del Psr.

Tra i vari strumenti presentati all’assemblea c’è anche CreditAgri, un consorzio fidi che Coldiretti mette a disposizione dei giovani aspiranti imprenditori agricoli per anticipare le spese di cofinanziamento che i diretti interessati devono sostenere per fronteggiare l’onere finanziario dell’investimento iniziale.

CreditAgri conta oggi 24mila aziende associate in Italia, 1.200 delle quali a Roma e nel Lazio ed ha approvato un piano che rende disponibili 100 milioni ogni anno per sostenere l’imprenditoria giovanile.